Jonathan Rotteglia profeta in patria nel maschile. Silvia Reina ancora a segno, per la seconda volta consecutiva, nel femminile. Si sono svolte questa mattina all’Eracle di San Fermo della Battaglia, con organizzazione del Team Veneri, le finali dell’ottava tappa del Como Tennis Tour, circuito provinciale di Terza categoria (limitato 3.3).

Nel tabellone femminile, ad una sola settimana di distanza dalla vittoria di Lipomo, Silvia Reina (Delle Vigne) si è ripetuta vincendo anche a San Fermo e festeggiando nel migliore dei modi la “promozione” nella Terza categoria sancita dalle ultime classifiche. Applausi anche alla giovanissima Alice Dell’Orto (Ceriano), Under 12, capace comunque di arrivare al match per il titolo prima di arrendersi per 6-1 6-1.

“Gli applausi vanno anche alla mia avversaria – ha detto la Reina – è giovanissima e diventerà molto forte. L’ho battuta oggi ma tra qualche anno le cose potrebbero essere diverse”.

Nel maschile il giocatore del Team Veneri Jonathan Rotteglia è riuscito a tenere la coppa in casa, superando dopo una finale molto combattuta (condizionata da caldo e vento) Juriy Pirrone del Lomazzo Sport Club. Pirrone è stato avanti 6-2 ma ha poi pagato un brutto inizio di secondo set (0-3). Rotteglia è riuscito così a impattare 6-4 prima di allungare nell’ultimo set fino al 6-1 che gli ha consegnato la vittoria.

“E’ il primo successo per me nel Como Tennis Tour dopo due eliminazioni al primo turno – ha commentato al termine Rotteglia – Ma qui giocavo in casa e avevo l’obbligo di fare bene“.

Il Como Tennis Tour non va in vacanza: conclusa la tappa di San Fermo, le attenzioni di spostano sul Circolo Tennis Cantù per la nona tappa che è già iniziata. La finale è in calendario domenica prossima.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.