Andrea Arnaboldi non rompe l’incantesimo che lo vede sconfitto contro lo sloveno Blaz Rola. Anche sulla terra verde americana, nonostante una battaglia di due ore e mezza e dopo essere stato avanti di un set e di un break (6-3 4-1) il canturino è costretto ad arrendersi alla terza partita per 3-6 7-6 (6) 6-3.

Teatro del match (equilibratissimo) è stato il ricco Challenger di Sarasota, in Florida. Arnaboldi parte alla grande, vincendo il primo set senza concedere una sola palla break all’avversario (testa di serie numero 8) e strappando due volte il servizio all’avversario. Identica strada intrapresa nel secondo parziale ma sul 4-1 la musica cambia.

Il canturino perde per la prima volta il servizio, viene rimontato sul 4-4 e poi riesce a portare il match al tie break. Qui, sotto 6-3, infila un parziale di 3-0 che sembra essere il preambolo della vittoria (6-6), ma è Rola a trovare lo spunto per l’8-6 che gli consegna il set dell’1-1.

La partita si decide sul 4-3 del terzo set, quando Arnaboldi, avanti 40-15, perde il servizio e lancia lo sloveno verso il terzo successo in altrettanti precedenti con l’azzurro.

MONDO FUTURES. Buon torneo a Santa Margherita di Pula – in Sardegna – per Andrea Borroni. Il giocatore del Mariano Uso ha perso all’ultimo turno delle qualificazioni dopo aver impensierito il polacco Maciej Smola, numero 700 al mondo, almeno per tutto il primo set. Il punteggio è stato di 7-6 (3) 6-1. In precedenza Borroni aveva vinto contro il rumeno Razvan Bobleaga per 6-1 6-1.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.