Sono in corso in queste ore a Roma le Prequalificazioni agli Internazionali d’Italia di tennis. Si assegnano le wild card per i tabelloni di quali e per il main draw del Master 1000 ospitato dalla terra del Foro Italico.

Un anno fa, tra le donne, era Giada Clerici a tenere alta la bandiera di Como. La ragazza di Albiolo, dopo essersi qualificata vincendo il torneo Open di Udine, non aveva tremato e aveva anche passato il primo turno del tabellone romano, arrendendosi poi a Jessica Pieri, oggi numero 214 al mondo.

Un anno dopo, molto è cambiato. Tanto che ci tocca augurare un pronto rientro proprio alla Clerici, che evidentemente è abbonata alla sfortuna e ai guai fisici. Il super risultato di dodici mesi fa, infatti, era giunto inaspettato al termine di uno stop di mesi a causa di problemi ad una spalla. Intoppo arrivato a fermare una scalata alle classifiche iridate che era giunta intorno alla 700esima posizione.

Dopo una estate, quella del 2017, abbastanza positiva, ecco di nuovo ripresentarsi il problema alla spalla dopo una trasferta in Turchia per un torneo Itf che aveva visto Giada, partendo dalle quali, arrivare fino ai quarti. Era febbraio. Da allora di nuovo una sosta ai box e la decisione fino ad oggi rimandata: quella di operarsi.

L’intervento c’è già stato. Ci vorranno almeno altri sei mesi prima di rivedere Giada Clerici in campo. In questi giorni, riguardando le Prequalificazioni del Foro Italico, è venuto spontaneo ripensare ad un anno fa. Come è altrettanto spontaneo augurare alla migliore tennista comasca, che ha appena compiuto 24 anni, un rientro che sia il più rapido possibile. Sperando che la sfortuna decida finalmente di guardare da un’altra parte.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.