Tornei giovanili in Alto Adige: dal Tc Rungg arrivano due finali e tre semi

0
Come ogni anno il cuore dell’attività giovanile si è trasferita in Alto Adige per i ritiri e la preparazione atletica portata avanti da diversi circoli del nord Italia. E come ogni anno decine di tennisti Under si sono ritrovati uno contro l’altro nel torneo giovanile del Tennis Club Rungg di Appiano (Bolzano).

Per i nostri colori si sono contate due finali, ma anche tre semifinali e un quarto di finale. Finali nell’Under 10 maschile con il comasco Emanuele de Sanctis tesserato per l’Harbour (battuto da Kevin Vinatzer del Tc Ladina per 6-7 7-5 7-2) e nell’Under 12 femminile con Emma Calvo. Quest’ultima, del Circolo Tennis Cantù, si è arresa a Agnese Taverna (Gruppo Tennis Alessandria) per 6-2 7-6. La Calvo in semi aveva superato la compagna di club, Greta Vilardi, per 6-2 6-2.

Semifinali per Susanna Colzani (Ct Cantù) nell’Under 14 femminile, battuta in tre set da Julia Peer (del Tc Rungg) per 3-6 6-0 6-0, e semi anche – nell’Under 14 maschile – per Tommaso Redaelli (tesserato per il Tennis Como) contro Maximilian Figl (sempre del Tc Rungg), giocatore che era la testa di serie numero 1 e che ha poi vinto il torneo. Redaelli è stato battuto per 6-3 6-1.

Ultimo risultato da segnalare sono stati i quarti di finale dell’Under 16 maschile raggiunti da Filippo Bongiasca (Ct Cantù). Il lariano si è arreso per 6-2 6-3 al seconda categoria Tobias Kirchlechner (ancora una volta del Tc Rungg) che ha poi vinto a mani basse il torneo di casa.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.