A Portorose va in scena la fotocopia di Segovia: altra semi per Arnaboldi

0
Le curiosità nel mondo del tennis sono davvero tante. Come pure le coincidenze. Capita così che nel giro di una settimana, Andrea Arnaboldi affronti due Challenger a distanza di migliaia di chilometri – il primo a Segovia, in Spagna, il secondo in Slovena a Portorose – trovandosi davanti gli stessi identici giocatori.

E’ successo oggi, con la vittoria bis sul bosniaco Aldin Setkic (6-2 6-4 il punteggio, era stato 6-3 6-3 a Segovia), e capiterà in semifinale contro lo spagnolo Adrian Menendez-Maceiras, stessa semi di Segovia in cui a vincere fu l’iberico con un doppio tie break. La speranza è che la musica, almeno su questo fronte, possa cambiare.

Ma tornando all’oggi, anzi a questa sera, non rimane che registrare l’ennesima semifinale di una stagione che per Arnaboldi sta migliorando di settimana in settimana e che manca solo – fino ad oggi – di un acuto che potrebbe essere la prima finale della carriera in un Challenger.

La certezza, fin da ora, è che questo nuovo ottimo torneo disputato dal canturino lo isserà ancora più in alto in classifica, abbondantemente dentro i 200 al mondo (intorno alla posizione numero 182) e sempre più vicino al best ranking di 153.

La gara contro Setkic – come già in Spagna – non ha avuto storia. Primo set dominato con un inizio sprint (4-0) poi amministrato fino al 6-2. Secondo set in cui Arnaboldi è andato 4-2 (salvando due palle break) per poi tenere il break di vantaggio fino al 6-4.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.