Si sono chiuse le iscrizioni all’edizione 2018 (la tredicesima) del Challenger Atp “Città di Como”. Evento clou dell’attività tennistica della nostra provincia che porterà i big della racchetta a Villa Olmo dal 25 agosto (giorno in cui si apriranno le qualificazioni) al 2 settembre, data della finale.

La premessa è come sempre d’obbligo: gran parte degli iscritti farà anche le quali agli Us Open nella settimana che precede il Challenger di Como. Quindi, nel caso dovessero avanzare nei turni, non potrebbero arrivare a giocare in riva al lago. I nomi che si sono iscritti al torneo Atp comasco sono comunque un primo importante dato di partenza per capire che anche quest’anno ci sarà da divertirsi.

Anche perché, tra i nomi di chi non è iscritto agli Us Open, c’è anche quello di Dustin “Dreddy” Brown che dunque farà il suo ritorno a Como dove già c’era stato qualche anno fa. nel 2018 il tedesco-giamaicano (capace di battere Rafa Nadal a Wimbledon nel 2015) era partito alla grande ma in febbraio la sfortuna l’ha colpito: all’Atp di Montpellier, avanti 7-6 5-2 contro l’idolo di casa Nicolas Mahut, mise a segno un passante spalle alla rete (suo marchio di fabbrica come i tuffi a rete) che lasciò il pubblico a bocca aperta.

La gente applaudì in visibilio, ma Dustin si accasciò piegato dal dolore per un guaio alla schiena. Abbandonò il match e iniziò quel giorno il lungo periodo di stop che l’ha fatto precipitare in classifica. Sarà lui la stella del prossimo Challenger di Como. Ma tra gli iscritti – che non andranno agli Us Open – c’è anche il brasiliano ex 20 al mondo Thomaz Bellucci.

Da segnalare poi il migliore giovane italiano di questa stagione, il 20enne Gian Marco Moroni, anche lui non iscritto alle quali degli Us Open. Ci sarà ovviamente anche il nostro Andrea Arnaboldi (già nel main draw, ma a cui ovviamente auguriamo di fare tanta strada in America), mentre la testa di serie numero 1 ad oggi sarebbe il boliviano (numero 103 dell’Atp) Hugo Dellien.

Iscritti poi Gerald Melzer, il vincitore del 2017 Pedro Sousa, Stephane Robert, Daniel Gimeno-Traver, Alessandro Giannessi e gli altri azzurri Salvatore Caruso, Matteo Donati e Lorenzo Giustino. Il primo escluso ad oggi dal main draw sarebbe il russo Ivan Nedelko, 238 al mondo.

Tra i giovani invece ci saranno (Us Open permettendo) il cileno Christian Garin, 22 anni ed ex numero 4 al mondo delle classifiche giovanili; lo spagnolo Carlos Taberner, 20 anni (a 19 anni numero 170 dell’Atp); il croato Nino Serdarusic, già 21° del ranking iridato Junior e pure il giovanissimo 18enne iberico Nicola Kuhn, nel 2017 tra i big del circuito giovanile mondiale ed ora ai suoi primi mesi da Pro.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.