Torneo falcidiato dal maltempo, il Futures di Antalya. Solo oggi si sono concluse le qualificazioni con l’eliminazione al turno decisivo del comasco Federico Lucini.

Non una bocciatura, per il 18enne lariano, fresco di compleanno a novembre. Lucini infatti – tesserato per il Tc Milano “Bonacossa” – ha fatto sudare le proverbiali sette camicie al numero 350 al mondo, il russo Pavel Kotov, giocatore in grado di arrivare in semifinale – pochi mesi fa, tra luglio e agosto – al Challenger di Liberec in Repubblica Ceca.

Il punteggio della partita durata due giorni (proprio in seguito all’interruzione per il meteo) è stato a lungo in equilibrio. Alla fine tuttavia il russo l’ha spuntata per 6-4 6-4. Kotov era la testa di serie numero 1 delle quali. Lucini era arrivato al match che ammetteva al main draw battendo la testa di serie numero 11, Paolo Dagnino (Tc Genova), per 6-1 6-2 e Andrea Artieri (Viterbo) per 6-0 6-1.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.