Hanno rispettivamente 16 e 17 anni. Sono i due giovani vincitori dell’Open del Circolo Tennis Cantù, Rubina De Ponti, quest’anno neopromossa in serie A1 con il Lumezzane, e Mattia Bellucci, tesserato per il Tennis Maglie. Le finali si sono giocate questa mattina e sono state contrassegnate dall’equilibrio e dall’incertezza.

Sconfitti quelli che erano i favoriti della vigilia, ovvero la padrona di casa (e testa di serie numero 3) Chiara Giaquinta, e Manuel Mazzella (Margine Rosso Cagliari), testa di serie numero 1 del tabellone maschile e già vincitore dell’Open autunnale del circolo brianzolo.

Partiamo dall’Open in rosa denominato “Servo Artpack SA”. La De Ponti è stata brava a rimanere sempre a contatto dell’avversaria in un match dove hanno dominato i break. Così, sotto 5-3 nel primo parziale, ha provato la forza per ribaltare la contesa fino al 7-5, cosa che si è ripetuta nella seconda frazione con l’allungo decisivo dal 3-3 fino al 6-3 che le ha assegnato il titolo.

Nel maschile, nell’Open “Lechler”, da ricordare il primo set che è durato un’ora e 40 minuti. Alla fine, la svolta è stata proprio questa, il 17-15 con cui Bellucci ha piegato Mazzella nel tie break dopo un parziale in cui non erano mancati i colpi da applausi e le battaglie sulle diagonali, soprattutto quella del rovescio (entrambi i giocatori sono mancini). Nel secondo set invece l’Under 18 ha allungato più facilmente fino al 6-3, ma probabilmente il match si era già chiuso sul rovescio in rete che aveva assegnato il 17-15.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.