Sarà una partita inedita, quella tra la slovena Polona Hercog (28enne di Maribor, numero 89 delle classifiche Wta) e la 17enne polacca Iga Swiatek – alla prima finale della giovanissima carriera – ad assegnare domani (a partire dalle 11.30) il titolo del Samsung Open di Lugano.

E’ questo l’esito delle semi che si sono disputate oggi. La Hercog (alla sesta finale in carriera con due vittorie sempre a Bastad), best ranking a quota 35, ha sconfitto per 7-5 6-4 la francese Fiona Ferro, mentre la ragazzina di Varsavia – di cui sentiremo parlare in futuro – ha rifilato un severo 6-0 6-1 alla sorella di Karolina Pliskova, la ceca Kristina.

Nessuna delle semifinalista era testa di serie, e pure nei quarti tra le favorite della vigilia ne figurava una sola, la bielorussa Vera Lapko (numero 62 della Wta). Fuori al primo turno le prime due teste di serie, la svizzera Belinda Bencic (21 al mondo, battuta dalla qualificata tedesca Antonia Lottner) e la spagnola Carla Suarez-Navarro (27esima del ranking) superata proprio dalla Hercog per 3-6 6-3 6-4.

In chiusura una curiosità che riguarda il nostro territorio. Polona Hercog da giovane ha vissuto e giocato a San Fermo della Battaglia in quello che allora si chiamava ancora Vergosa Country Club.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.