Rientro con vittoria dopo un mese di stop. Ora per Arnaboldi c’è Giannessi

0
Dopo un mese di stop in seguito all’infortunio muscolare che l’aveva bloccato nel secondo turno del Challenger di Barletta (dopo aver battuto all’esordio Jannik Sinner), Andrea Arnaboldi è tornato in campo oggi a Lisbona nel Challenger della capitale portoghese. Rientro con vittoria per il canturino in tre set contro Raul Brancaccio.

Partita a corrente alternata, in cui Arnaboldi ha però avuto il grosso merito di sfruttare quasi tutte le occasioni che gli sono capitate. Capitalizzando così i due break che gli sono valsi il primo e il terzo set per 6-3. Nel mezzo un frazione in cui a dettare legge è stato Brancaccio che ha chiuso 6-1.

I punti totali sono in equilibrio (76 a 75 per il canturino) mentre di palle break Arnaboldi ne ha avute a disposizione 3 (sfruttandone 2), Brancaccio ben 8 (2 concretizzate). La gara è durata un’ora e 42 minuti.

Ora nei sedicesimi di finale andrà in scena il match contro un altro azzurro, per di più compagno di Arnaboldi al Park Genova con cui ha vinto pure uno scudetto. Si tratta dello spezzino Alessandro Giannessi, in tabellone come testa di serie numero 12.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.