Un primo set lungo e combattuto, che ha cambiato spesso padrone. Una seconda frazione conclusa subito, sull’1-0, per il ritiro di Alessandro Giannessi. Andrea Arnaboldi, al rientro dopo un mese di stop a causa di un infortunio muscolare, raggiunge gli ottavi di finale del Challenger di Lisbona.

Il canturino ha superato oggi lo spezzino con il punteggio di 6-4 1-0 e ritiro. Da raccontare c’è solo – dunque – il primo set che, dopo un inizio seguendo i servizi (3-2 Arnaboldi) è stato un susseguirsi di break. Il brianzolo è passato 4-2, è stato ripreso sul 4-4, poi ha dovuto difendersi dal 15-40 (salvando in tutto quattro palle break) venendo anche spesso a rete a prendersi il punto. Alla fine il break del 6-4 ha chiuso il set e in pratica anche il match, con Giannessi già sofferente.

Con questo successo il canturino raggiunge il terzo turno del torneo lusitano. Di fronte avrà ora il 22enne spagnolo Pedro Martinez, testa di serie numero 7, finalista quest’anno a Alicante e semifinalista a Marbella. Nei due precedenti ha sempre vinto l’iberico e sempre in due set. Quest’anno è stato proprio Martinez ad eliminare Arnaboldi con un doppio 6-3 dalle quali degli Australian Open.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.