Arrivano ben quattro finali per i tennisti comaschi, nei campionati Assoluti Over Outdoor che si sono disputati al Mare Pineta Lawn Tennis Club di Milano Marittina. Protagonista assoluta, per la nostra provincia, Marta Sandra Riella del Tennis Club Gravedona, che tra le Over 70 ha raggiunto tre finali.

Nel singolare, la Riella si è arresa solo a Nadia Belluzzi (Tc Marfisa di Ferrara) che era la testa di serie numero 2, perdendo con il punteggio di 6-3 6-0. In precedenza aveva passato tre turni tutti lottati, arrivando con merito a giocarsi lo scudetto. Belluzzi che, con Fiamma Cocco (compagna di circolo) ha vinto anche nel doppio femminile Over 70, battendo per 6-4 6-3 ancora Marta Sandra Riella e Liliana Toscani (Tc Roseto).

La giocatrice di Gravedona si è guadagnata il titolo di vice campione d’Italia Over 70 anche nel Misto, questa volta in coppia con Marco Moroni (Circolo Tennis Pesaro). Ed in finale, a festeggiare, ancora una volta è stata la Belluzzi abbinata al terza categoria Giovanni Mancini (sempre del Ct Pesaro).

La quarta finale per i nostri colori, negli Assoluti Veterani di Milano Marittima, è stata raggiunta da Primo Veneri nel doppio Over 60. Scudetto sfiorato da Veneri in coppia con Emanuel Manfredini (Sporting Club Sassuolo) visto che il titolo è stato assegnato solo al super tie-break (per 10-7) dopo che i primi due set si erano conclusi sul 6-1 4-6. A laurearsi campioni d’Italia le teste di serie numero 2, Roberto Mussi e Lamberto Ferrara, entrambi tennisti dell’Sc Sassuolo).

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.