Niente bis per Eleonora Canovi nel torneo Open “Cosvim” di Cantù. La detentrice del titolo, testa di serie numero 1, comasca tesserata per Lumezzane ma che su questi campi si allena, in finale si è arresa alla compagna di fatiche Chiara Giaquinta, giocatrice di casa del Circolo Tennis Cantù.

Una finale che la Giaquinta ha condotto dall’inizio alla fine, prima 2-0, poi 2-1 con l’unico passaggio a vuoto (e break subito), per allungare subito dopo 4-1 e 6-2. Secondo set chiuso sul 6-0, con diversi giochi comunque lottati e decisi ai vantaggi, in cui tuttavia era sempre Chiara a dire l’ultima parola. Significativo il fatto che gli errori gratuiti della Giaquinta si contino sulla punta delle dita di una mano.

“Per noi è stata una bella soddisfazione avere due ragazze che qui si allenato, giocarsi la finale – ha poi commentato il presidente Antonio Serrago – Tre se pensiamo anche alle semifinali, con Maria Aurelia Scotti battuta da Chiara in tre partite”.

Nel maschile invece il favorito della vigilia, Emanuele Dorio (dal Milago Tennis Center) non ha steccato, aggiudicandosi il titolo senza perdere nemmeno un set e succedendo nell’albo d’oro al sardo Manuel Mazzella (2018) e al doppio centro di Marco Crugnola (2017 e 2016). In finale ad arrendersi, al termine di una partita dai due volti, è stato Mattia Rossi del Ct Ceriano.

Primo set durato una manciata di minuti e chiuso 6-0 per Dorio. Nel secondo è iniziato il vero match in cui tuttavia, una volta giunti al tie-break, è stato ancora Dorio ad allungare sul 7-4 aggiudicandosi il trofeo messo in palio dal circolo brianzolo.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.