Coppa Comitato Gruppo A: comasche ok, ma non basta per passare il turno

0
Una conclusione in gloria, con quattro vittorie su cinque partite, non è bastata alle squadre comasche del Gruppo A della Coppa Comitato Lombardo (quello di livello più elevato) per accedere alla fase finale ad eliminazione diretta che eleggerà il campione regionale a squadre Indoor.

Partiamo dal maschile, con il Team Veneri “beffato” sul più bello quando ormai il passaggio del turno sembrava dietro l’angolo. I ragazzi di San Fermo, in trasferta a Vercurago contro il Tc 3 stelle imbattuto in testa alla classifica, avevano bisogno di un 3-0 per raggiungere gli avversari in vetta al girone 3 passando il turno. Ma, avanti per 2-0 dopo i singolari, il Team Veneri ha ceduto il punto del doppio. Il 2-1 finale porta comunque San Fermo in vetta alla classifica alla pari con Vercurago e Bellusco, ma il conteggio delle partite vinte e perse condanna i lariani a guardare la fase finale da bordo campo. Nello stesso girone vittoria per 2-1 del Tc Gravedona contro Tirano.

Nel girone 4, invece, il Tennis Club Rovellasca – già impossibilitato a passare il turno – ha chiuso con una sconfitta in trasferta contro il Gallarate “A” (3-0).

Nel femminile, doppia vittoria in due giorni per le ragazze del Team Veneri che prima, sabato, hanno sconfitto per 3-0 l’Albani Tennis Project nel recupero di campionato, poi domenica si sono ripetute (successo per 2-1) contro il Tc Boschetto di Abbiategrasso in trasferta. Il Team Veneri chiude il girone a metà classifica.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.