Rodei a Brusaporto e Treviolo: bene i fratelli de Sanctis e Balbiani

0
Vittorie e piazzamenti per i giovani lariani nei tornei dell’ultimo fine settimana. Partiamo dalla Tennis Academy di Brusaporto, in provincia di Bergamo, dove in una finale tutta lariana (nella categoria Under 12) Emanuele de Sanctis (comasco tesserato per l’Harbour) si è imposto per 4-3 4-3 (con due tie-break) su Leonardo Maria Balbiani (di Gravedona, tesserato per il Tc Colico).

I due Under lariani erano la testa di serie numero 3 e numero 4 del tabellone. De Sanctis in semi aveva battuto il secondo favorito della vigilia, Marcello Muca (Mutti&Bartolucci) per 4-3 (5) 4-3 (5), mentre Balbiani aveva prevalso su Tommaso Falardi (testa di serie numero 1, Tc Bergamo) per 4-0 4-0.

Balbiani e de Sanctis

Negli altri tabelloni, a segno Adele Montagnini (San Giovanni Lupatoto) su Beatrice Maria Altenburger (“Bonacossa”) per 4-1 4-1 (Under 12), Ilia Coppola Bertoli (Tc Villasanta) su Filippo Sanitario (Tennis Bellusco) con il punteggio di 3-4 4-3 7-4 (Under 16) e Sonia Jemma (Tc Zanica) su Tania Galvani (Tennis Odolo) per 4-2 4-2 (sempre Under 16).

La finale Under 14 a Treviolo

Alla Leo Mora Scuola Tennis di Treviolo (sempre nella Bergamasca) c’è invece da registrare la finale di Alessandro de Sanctis, fratello di Emanuele, nell’Under 14. A batterlo per 2-4 4-2 7-2 è stato la testa di serie numero 1, Federico Danova (MIlano Tennis Academy). I due giocatori erano arrivati al match per il titolo senza perdere un solo parziale.

Negli altri tabelloni successi per Virginia Comi (Break Point Lecco) su Sofia Stella Monzio Compagnoni (Curno) per 4-1 4-1 (Under 10), e per Giulia Lodovici (Curno) su Maia Sofia Fossati (Milago) per 4-0 4-0 nell’Under 14 femminile.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.