Il tennis è fermo. Facciamo il nostro dovere e non usciamo #IORESTOACASA

0
E’ inutile far finta che di niente. Nulla in questi giorni è come prima. Il tennis non fa ovviamente eccezione. I circoli sono chiusi, le attività e i tornei bloccati, ed anche i tornei internazionali iniziano a sentire i contraccolpi della diffusione del Coronavirus, e non solo in Cina o in Italia.

I nostri tennisti che frequentano i tornei internazionali (da Andrea Arnaboldi al cugino Federico, passando per Lorenzo Rottoli) sono bloccati in Lombardia, anche per evitare trasferte inutili vista la concreta possibilità di essere messi in quarantena.

Non rimane che aspettare e sperare che tutto questo duri il meno possibile, ben sapendo che questo “meno” non sarà affatto breve. Ma una via d’uscita, una sola, c’è. Quella di stare a casa e non diffondere (o contrarre) il virus. Anche noi de iltenniscomasco.it non usciamo di casa. #IoRestoACasa

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.