“Cupra Finals”: Sussarello-Pappacena sognano ma poi cadono in semi

0
Giulia Sussarello e Chiara Pappacena si fermano nelle semi delle Cupra Fip Finals 2020, prestigioso appuntamento – dotato di un montepremi di 40.000 euro – che si sta svolgendo a Cagliari. Si tratta dell’evento che pone fine al circuito più importante firmato dalla Federazione Internazionale di Padel.

La comasca e la romana hanno però tenuto testa alla coppia testa di serie numero 2, quella composta dalle spagnole Anna Cortiles Tapias e Jessica Castello, dando anzi l’impressione di poter ambire a traguardi ancora più ambiziosi. Del resto l’intero match – dopo un inizio lento delle azzurre, subito sotto 2-5 – è stato molto equilibrato. Perso il primo parziale per 6-3, dopo però essere arrivate vicine al riaprire il parziale, le azzurre sono volate avanti nella partita successiva prima 3-0, poi 4-1, servendo per il set sul 5-2.

Qui però qualcosa si è rotto nel gioco di Sussarello e Pappacena, che complici anche alcuni errori non forzati, hanno permesso alle iberiche non solo di rientrare nel match (5-4) ma anche di andare a servire per la partita sul 5-6. Un inatteso controbreak (a zero) delle azzurre ha allungato l’incontro fino al tie break, dove però le iberiche hanno controllato gli scambi fino al 7-3 che è valso il passaggio in finale.


Dal 2014 seguiamo e promuoviamo il tennis in provincia di Como e non solo. Se ti piace il nostro lavoro sostienici. Farlo è semplice. Basta cliccare sull’apposito banner (uguale a quello qui sopra) che trovi sulla home page, nella colonna a destra.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.