Lombardia all’asciutto anche al Lemon Bowl: tutti fuori fin dalle semifinali

0
La Lombardia Under non esce dalla fossa nemmeno al Lemon Bowl. Nell’importante torneo giovanile che si è appena concluso a Roma, che può contare anche sulla partecipazione di baby tennisti stranieri, nessun giocatore della nostra regione è arrivato non solo in finale, ma nemmeno in semi.

Sei i tabelloni organizzati: Under 10, Under 12 e Under 14 maschile e femminile. La palma del maggior numero di vittorie spetta al Lazio (3), poi Emilia Romagna (2) e una per la Liguria. In questo quadro sconfortante per la Lombardia, si segnala comunque il quarto di finale raggiunto da Tommaso Maglia (Tennis Como) nell’Under 10, che a pari con altri giovani è stato comunque il miglior piazzamento regionale.

Nell’Under 10 maschile, tra l’altro, il giocatore che aveva eliminato Maglia – Edoardo Ghiselli, bolognese – si è poi aggiudicato il torneo senza perdere un solo set, superando in finale Valentino Grasselli (Perugia) per 6-2 6-4. Nel femminile Victoria Lanteri (Tc Finale) ha prevalso su Rachele Salepicco (Ct Grosseto) per 3-6 6-4 10/8.

Nell’Under 12 a segno Mattia Baroni (Tevere Remo) su Federico De Matteo (Tc Pistoia) per 6-4 5-7 6-1, mentre nel femminile Micol Salvadori (Ct Bologna) ha avuto la meglio sulla pisana Martina Cerbo per 6-2 6-0. Infine l’Under 14 con Andrea De Marchi (Palocco Roma) vincitore su Alessandro Mondazzi (Pescara) per 6-4 6-2, e Fabiola Marino (Eur) su Sveva Pieroni (Tc Pistoia) per 7-5 6-4.


Dal 2014 seguiamo e promuoviamo il tennis in provincia di Como e non solo. Se ti piace il nostro lavoro sostienici. Farlo è semplice. Basta cliccare sull’apposito banner (uguale a quello qui sopra) che trovi sulla home page, nella colonna a destra.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.