Super Next Gen: sedicesimi ad Alassio per Bisignani e Bongiasca

0
Si è conclusa sui campi dell’Hanbury Tennis Club di Alassio la prima tappa del circuito nazionale Super Next Gen che, staccandosi da quello che era lo Junior Next Gen, si occuperà solo di promesse Under 16 e Under 18. Si gioca, anche questa è una novità, con tabelloni unici sia nel maschile che nel femminile.

Per i nostri colori, in entrambi i tabelloni, sono arrivati due sedicesimi di finale grazie a Carola Bisignani e Filippo Bongiasca, giovani del Circolo Tennis Cantù. Ottimo il cammino della Bisignani, che ha prima vinto il tabellone di Terza categoria, poi è arrivata fino ai sedicesimi arrendendosi a Elisa Viganò (Under 18 del Tc Piazzano, 2.6 e testa di serie numero 7) per 2-6 6-4 10/1. La Bisignani è Under 16.

Il torneo femminile è poi stato vinto da Vittoria Baccino (testa di serie numero 1, Under 18 del Tc Finale) che ha superato per 6-3 6-3 Isabella Serban (2.6, Under 16 piemontese) testa di serie numero 3.

Nel maschile invece l’Under 18 Filippo Bongiasca è stato sconfitto (sempre nei sedicesimi) da Gianluca Filoramo (Under 16 della Milano Tennis Academy) per 6-2 7-5. In questo tabellone a vincere è stato l’Under 18 bolzanino Christian Fellin (favorito della vigilia, classifica 2.5) che ha superato per 6-1 6-1 Guglielmo Verdese (2.6, Park Genova).

Ad Alassio erano 171 i giocatori iscritti. La seconda tappa della nostra Macroarea sarà al Tennis Como a partire dalla fine della prossima settimana: gli iscritti, quando le adesioni non sono ancora chiuse, sono già 371.


Dal 2014 seguiamo e promuoviamo il tennis in provincia di Como e non solo. Se ti piace il nostro lavoro sostienici. Farlo è semplice. Basta cliccare sull’apposito banner (uguale a quello qui sopra) che trovi sulla home page, nella colonna a destra.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.