Heraklion: Cayetano March al tappeto, Arnaboldi ritrova Zhang nei quarti

0
Ancora una volta uno contro l’altro. Come già era successo la scorsa settimana, quando il cinese 30enne Ze Zhang, già numero 140 al mondo dell’Atp, sconfisse Federico Arnaboldi in semifinale per 6-2 6-1. Il 20enne canturino ci riproverà domani, nei quarti di finale dell’Itf di Heraklion, sui campi veloci della Grecia.

E’ questo l’esito degli ottavi che si sono disputati oggi. Zhang, testa di serie numero 2, ha proseguito il proprio cammino autoritario lasciando all’avversario (l’argentino Roman Andres Burruchaga) solo tre giochi in poco più di un’ora. Arnaboldi invece, reduce dalle tre ore di battaglia di ieri contro l’americano William Griffith, è rimasto in campo per altre due ore per battere il tennista dell’Ecuador Antonio Cayetano March.

Match che il canturino ha sempre condotto, tranne una piccola parentesi del secondo set. Nel primo Arnaboldi è andato 4-0 con due break, ha subito una parziale rimonta (4-3) prima di allungare di nuovo 6-3. Nel secondo set invece l’ecuadoriano è andato 3-1 subendo poi un parziale di 4 giochi a zero per Federico (5-3) che ha poi chiuso 6-4. Statistiche tutte per il 20enne italiano, sia nelle palle break (13 a 4, 6 realizzate contro 3) sia nei punti, 68-54.


Dal 2014 seguiamo e promuoviamo il tennis in provincia di Como e non solo. Se ti piace il nostro lavoro sostienici. Farlo è semplice. Basta cliccare sull’apposito banner (uguale a quello qui sopra) che trovi sulla home page, nella colonna a destra.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.