E’ partita questa settimana l’ondata di campionati italiani delle categorie giovanili, divisi in date e luoghi diversi. Gli Under 11, ad esempio, stanno giocando a Serramazzoni al Centro Federale.

Tra le presenti anche Emma Calvo (Circolo Tennis Cantù) che non è finita in una buona sezione di tabellone (è in quella comandata dalla testa di serie numero 1, la napoletana Francesca De Matteo, categoria 3.2) ma intanto oggi ha esordito vincendo e raggiungendo i sedicesimi di finale. Battuta nettamente con il punteggio di 6-0 6-0 la piemontese Camilla Giansante del Tennis Giaveno.

Meno bene sono andate le cose nel tabellone finale del Campionato Tricolore Under 13 in corso tra il Circolo Tennis Bologna (le ragazze) e lo Junior Perugia (i ragazzi). Nel maschile Matteo de Sanctis (comasco dell’Harbour) ha perso al secondo turno delle qualificazioni da Lorenzo Sciahbasi (Porto San Giorgio), testa di serie numero 3.

Nel femminile invece Ginevra Sassi (comasca dello Junior) si era qualificata in modo rocambolesco, prima perdendo da Elisa Armosini (Tennis Club Cagliari) per 5-7 7-6 6-4 dopo essere stata avanti 7-5 5-0, poi venendo ripescata come lucky loser. Nel primo turno del main draw, opposta alla forte Viola Turini (Tc Prato, 3.1) ha giocato alla pari perdendo 6-2 7-5 dopo essere stata avanti di un break nel secondo set.

Male invece Susanna Colzani (Circolo tennis Cantù) che non è mai riuscita a imporre il proprio gioco nella partita (finita 6-0 6-0) contro la pur buona torinese Mariagaia Meneguzzo.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.