Andrea Arnaboldi conferma il proprio ottimo inizio di 2020, batte in due set (e per la prima volta in carriera) il russo Alexey Vatutin (che era la testa di serie numero 10) e accede al terzo turno del Challenger di Cherbourg, in Normandia.

Ora, per un posto nei quarti di finale, sfiderà il bosniaco Mirza Basic. I tre precedenti (l’ultimo a Napoli nel 2016) sono in favore del giocatore di Sarajevo.

Tornando al match di questa sera, dopo un break e controbreak iniziale, l’andamento del set d’apertura ha seguito quello del servizio giungendo al tiebreak, giocato in modo impeccabile (e molto solido) da Arnaboldi (7-3).

Anche nella seconda partita è stato il canturino a condurre il gioco, avanti subito 2-0 con tre palle per i 3-0 “pesante”. Nel gioco successivo, è stato Arnaboldi a dovere difendere due palle break volando poi 3-1, 5-1 per chiudere 6-2 dopo un’ora e 36 minuti di gioco.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.