Austria, Germania, Francia, Italia, Turchia, ancora Germania e Svizzera. Sono le nazioni rappresentate nelle finali di domani dei tabelloni di singolare del torneo internazionale Itf di wheelchair “Città di Cantù”. Si inizia alle ore 9 sui campi di corso Europa.

E’ questo l’esito della lunga giornata di oggi (altre 35 partite, per un totale che ha superato abbondantemente i 100 match in tre giorni) che ha eletto i migliori della manifestazione.

Spettacolo garantito nel maschile, dove la testa di serie numero 1, il potente Nico Langmann, numero 19 al mondo, ha mantenuto il pronostico arrivando fino alla fine. Di fronte si troverà la rivelazione tedesca Anthony Dittmar, che dopo aver eliminato la testa di serie numero 2 (il francese Laurent Giammartini, battuto al terzo set) ha fatto altrettanto con la testa di serie numero 3, Martin Legner (Austria). Partita quest’ultima finita 7-6 al terzo.

Cammino comunque complicato anche per Langmann, che ha dovuto ricorrere al terzo set sia nei quarti contro l’azzurro Silviu Culea (superato per 6-3 3-6 6-4) sia in semifinale contro lo spagnolo Siscar Meseguer piegato per 4-6 6-1 6-3. Nel second draw finale tutta svizzera tra Daniel Pellegrina e Konstantin Schmaeh.

Nel femminile la testa di serie numero 1, la francese Charlotte Fairbank ha raggiunto la finale vincendo il derby transalpino con Zoe Maras per 6-3 6-4. Nella parte bassa del tabellone ottimo cammino per l’azzurra Marianna Lauro che, pur non essendo testa di serie, giocherà per il titolo. In semi ha sconfitto per 6-0 7-6 la svizzera Angela Grosswiler.

Nel Quad infine Bianca Osterer (Germania) sfiderà nel match conclusivo il giocatore turco – testa di serie numero 2 – Ugur Altinel. In calendario anche le finali dei doppi. Già assegnato il titolo di Quad con il successo del tandem Bianca Osterer-Alberto Corradi (Italia) sugli altri azzurri Alberto Saja-Ivano Boriva.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.