Rodeo di Terza ad Agrate: seconda vittoria consecutiva per Emma Calvo

0
Ancora una finale (l’ennesima) e una vittoria, la seconda consecutiva, per l’Under 14 comasca Emma Calvo in un torneo di Terza categoria. Dopo Lentate sul Seveso, è arrivato nel fine settimana il successo al Rodeo del Tennis Agrate. Una vittoria netta, giunta senza perdere nemmeno un parziale.

Ad arrendersi in finale è stata Laura Visintini (Tennis Bellusco, testa di serie numero 1) superata per 4-0 4-1. In semi la Calvo aveva battuto Martina Pala (Under 16 dello Sportrend, testa di serie numero 3) per 5-4 4-0, mentre nei quarti aveva avuto la meglio anche sulla testa di serie numero 2, Ilaria Di Palma (Tc Rovellasca) per 4-1 4-1. Nel primo turno invece Anita Gotti (Under 16, Vavassori Tennis Team, l’unica non testa di serie incontrata dalla Calvo) si era arresa per 4-2 4-1.

Più complicato era stato invece il cammino dell’altra finalista, Laura Visintini, che in semifinale si era dovuta salvare di fronte a Sonia Jemma (Under 14, Tennis Zanica) per 2-4 4-1 10-5. Erano 35 le iscritte.

Ad Agrate si è giocato anche il Rodeo di terza maschile Limitato 3.4: successo per Stefano Grassi (Under 18 del Quanta Village) per 4-1 4-1 su Francesco Mosca della Polisportiva Fornaci (altro Under 18).


Dal 2014 seguiamo e promuoviamo il tennis in provincia di Como e non solo. Se ti piace il nostro lavoro sostienici. Farlo è semplice. Basta cliccare sull’apposito banner (uguale a quello qui sopra) che trovi sulla home page, nella colonna a destra.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.