2 APRILE, giornata per l’autismo: “In uno spot il mondo che vorremmo”

0

Sono 501 studenti della provincia di Como inseriti nelle scuole pubbliche di ogni ordine e grado che presentano una diagnosi di disturbo dello spettro autistico, secondo i dati dell’Ufficio Territoriale Scolastico (95 nella scuola dell’infanzia, 262 nella primaria, 83 nella secondaria di primo grado, 61 nella secondaria di secondo grado). A Lecco sono 304 (38 nella scuola dell’infanzia, 165 nella primaria, 61 nella secondaria di primo grado, 40 nella secondaria di secondo grado), a Monza Brianza 713 (127/349/153/84), a Varese 649 (87/342/99/121). Solo nelle province a nord di Milano, dunque, questa condizione contraddistingue 2.167 studenti, dall’asilo fino alle scuole secondarie di secondo grado. Numeri in forte crescita in questi ultimi anni, che per di più non comprendono gli alunni degli istituti privati e delle scuole paritarie.

Abbiamo voluto, come premessa a questo comunicato, citare subito i dati, i freddi numeri, per far comprendere bene quanto la gestione di alunni di spettro autistico sia sempre più un aspetto sociale che non si può far finta di non vedere, nelle scuole, tra i pediatri, negli ospedali, negli oratori, e in qualsiasi altro ambito. Ognuno di noi può dire di conoscere uno, due (ma anche di più) bambini o adulti che presentano caratteristiche comportamentali che rientrano nell’ampia famiglia dei disturbi dello spettro autistico.

Domani, 2 di aprile, è la data che da anni è dedicata alla Giornata mondiale per la consapevolezza dell’autismo. “Un Cuore per l’Autismo”, associazione partner da anni de iltenniscomasco.it, opera per cercare di sensibilizzare la società rispetto alle tematiche “blu”, il colore che storicamente è associato a questo disturbo. Una Onlus formata solo da genitori e da famiglie, che si batte per portare ad un numero sempre maggiore di persone regole e suggerimenti che possano aiutare per relazionarsi con un bambino, un ragazzo, un adulto autistico. Non serve una grande fatica. E basta partire dal fondamento che l’autismo non è una malattia, ma un modo diverso di relazionarsi con il mondo e con ciò che ci circonda, con dei “codici di lettura” diversi e un “sistema operativo” alternativo rispetto a quello che conosciamo. Per questo parlavamo prima di regole da conoscere e da diffondere, tra i banchi, nei gruppi di giovani, tra gli adulti. Basterebbe poco per migliorare la vita di migliaia di persone senza escluderle dalla società e, nel caso dei bambini, dai giochi e dalle feste di compleanno dei loro compagni (no, non è affatto una cosa rara).

Lo scorso anno la pandemia aveva colto un po’ tutti di di sorpresa. Quest’anno “Un Cuore per l’Autismo” ha voluto con forza ripartire. Serviva però qualcosa di diverso. I bambini, i ragazzi, in questi mesi di Dad hanno fatto una bella indigestione di pc, tablet, lezioni da casa e schermi di computer da guardare come fossero amici. Quindi la prima idea, quella di organizzare un incontro on line su un qualsiasi tema con lo scopo di fare sensibilizzazione, è stata accantonata. I genitori dell’associazione erano esausti quanto loro.

E’ però venuta una idea un po’ pazza e diversa: quella di mettere su carta uno spunto di riflessione e poi di animarlo, creando uno spot che potesse trasmettere un messaggio per poi divulgarlo. E lo spot alla fine è stato prodotto davvero, ed è interamente farina del sacco dei genitori di “Un Cuore per l’Autismo”, dall’idea alla realizzazione, con tutti i pregi e i difetti del caso.

Si parte da uno sfondo bianco e da un bambino vestito di blu che smarrito si guarda intorno. Il blu, ovviamente, è il colore che universalmente rappresenta l’autismo. Ma presto il bambino si accorge che attorno a lui ci sono molti altri bambini di diversi colori, ognuno con una propria peculiarità, e ci sono anche persone grandi e piccole, magre e non, con gli occhiali e senza, tutti uniti in un unico flusso, la vita, che diventa prima un arcobaleno e poi fili colorati che si intrecciano tra loro creandone uno più forte e resistente. L’ultima immagine è quella di un cuore, che richiama all’amore ma anche al logo della nostra associazione.

Questa la chiosa dell’associazione: “Volevamo esprimere la nostra voglia di unità, ma anche di inclusività. Perché più fili che si uniscono ne creano per forza di cose uno più resistente. Ed anche una società più inclusiva non può che essere migliore di una che non lo è”. E noi vi proponiamo questo splendido video.

Share.

About Author

Sono nato a Como nel dicembre del 1974 e in questa città sono cresciuto, mi sono sposato e sono diventato padre. Sono un giornalista professionista iscritto all’Albo della Lombardia. Amo il tennis da sempre, da quando bambino sognavo di diventare Stefan Edberg. Mi sono fermato molto prima. Pigro di natura, ho preferito raccontare questo sport nel modo meno faticoso, ovvero dalla tastiera di un pc. Ho lavorato per Espansione Tv e il Corriere di Como seguendo tutt’altro, la cronaca nera e giudiziaria. Ma il tennis è sempre il tennis.

Comments are closed.